Luna 1969. Qui base tranquillità. Aquila è atterrata. La straordinaria avventura dell'uomo per raggiungere la Luna.

LA MOSTRA

 

IL TEMA

Luna 1969. Qui base Tranquillità. Aquila è Atterrata, sviluppato con il coordinamento dei ricercatori dell’Istituto Nazionale di Astrofisica, illustra le tappe fondamentali del programma spaziale Apollo, facendo rivivere lo storico evento con l’ausilio di immagini provenienti dall’archivio NASA e un video esclusivo prodotto da Discovery Science. La mostra ripercorre le vicende poco note ai più, le storie degli uomini che con passione e dedizione permisero di realizzare il desiderio di esplorare nuovi mondi. Una mostra avvincente, che coinvolge i visitatori proiettandoli al centro delle emozioni legate alle immagini e al racconto di un evento accaduto 40 anni fa. Una mostra dedicata a quegli uomini che resero possibile l’impresa e a quelle persone che davanti alla televisione condivisero il sogno di camminare sulla Luna.

Le nuove generazioni sanno che siamo stati sulla Luna, ma non conosce il perché come ciò sia stato reso possibile. Molti non si rendono conto del significato e della portata di quell’evento. Si trattò dell’impresa più ambiziosa che l’uomo abbia mai concepito e più rischiosa che abbia mai dovuto affrontare.
Sebbene la storia del programma spaziale di quegli anni iniziò come sfida fra due sistemi politici, col passare del tempo assunse un valore completamente differente, simbolico, diventando un evento che coinvolse tutta l’umanità. Dopo il discorso davanti al Congresso Americano in cui Kennedy dichiarò la  volontà di inviare un uomo sulla Luna, ogni tipo di risorsa umana e tecnologica venne messa al servizio di un obiettivo comune. L’esperienza di quegli anni ha dimostrato in modo incontrovertibile, come ebbe modo di sottolineare Buzz Aldrin, astronauta dell’Apollo 11, che:
Quando un gruppo di persone accetta una sfida, quando gli esseri umani accettano una sfida, sanno trovare una strada e realizzare imprese straordinarie.

Dott. F. Giacomo Carrozzo
Ricercatore dell’Istituto Nazionale di Astrofisica - IFSI

Il PERCORSO ESPOSITIVO

Il 30 novembre 1609 Galileo Galilei per la prima volta puntava il suo cannocchiale verso la Luna scoprendo che si trattava di un corpo simile alla Terra con montagne, avvallamenti e canali. La Luna finalmente mostrava il suo vero volto e appariva più vicina.
Qualche secolo dopo, il Presidente J. F. Kennedy annunciava che l’America avrebbe inviato un uomo sulla Luna entro la fine del decennio. Da quel momento una formidabile macchina formata da migliaia di persone si mise in moto e in soli otto anni la promessa fu mantenuta. La tenacia, l’impegno e la creatività riuscirono nell’incredibile progetto e il 20 luglio 1969, Neil Armstrong posava per la prima volta piede sulla Luna. L’impossibile diventava possibile.
Grazie a un’accurata selezione di immagini, tra le più suggestive e meno note, provenienti dall’archivio Nasa, si racconta la storia di un pugno di uomini giunti ai confini dell’esperienza umana.

CONTESTO E SCENARIO

J. F. KennedyIl 30 novembre 1609 Galileo Galilei per la prima volta puntava il suo cannocchiale verso la Luna scoprendo che si trattava di un corpo simile alla Terra con montagne, avvallamenti e canali. La Luna finalmente mostrava il suo vero volto e appariva più vicina.
Qualche secolo dopo, il Presidente J. F. Kennedy annunciava che l’America avrebbe inviato un uomo sulla Luna entro la fine del decennio. Da quel momento una formidabile macchina formata da migliaia di persone si mise in moto e in soli otto anni la promessa fu mantenuta. La tenacia, l’impegno e la creatività riuscirono nell’incredibile progetto e il 20 luglio 1969, Neil Armstrong posava per la prima volta piede sulla Luna. L’impossibile diventava possibile.
Grazie a un’accurata selezione di immagini, tra le più suggestive e meno note, provenienti dall’archivio Nasa, si racconta la storia di un pugno di uomini giunti ai confini dell’esperienza umana.

L'UOMO NELLO SPAZIO

Alan ShepardNel 1961 la Luna sembrava ancora lontanissima. Sebbene Kennedy avesse promesso di mandare un uomo entro la fine del decennio, l’unica esperienza americana nello spazio era il volo di Alan Shepard di soli 15 minuti e 22 secondi. Iniziava un conto alla rovescia con l’impegno di migliaia di persone e la spesa di ingenti quantità di denaro. Una sfida che non poteva essere persa. Impianti speciali, tecnologie non ancora realizzate, i volti, le storie, le emozioni, i primi fallimenti e le prime conquiste sono i protagonisti di questa sezione.

APOLLO 11

apollo 11ll 20 luglio 1969 Neil Armstrong e Buzz Aldrin sono i primi uomini a mettere piede sulla Luna. Ripercorriamo la missione storica che ha trasformato in realtà i sogni di un’intera generazione.

L'UOMO SULLA LUNA

l'uomo sulla lunaSono stati dodici gli uomini che hanno avuto l’incredibile possibilità di esplorare la Luna, affrontando un viaggio che nascondeva tante insidie e pericoli. Panorami e passeggiate lunari fanno da sfondo alla loro esperienza tutt’oggi mai uguagliata.

LA LUNA

la lunaDalle missioni Apollo abbiamo raccolto molte informazioni sulla Luna. Una breve presentazione, accompagnata da immagini 3D, ci farà scoprire qualcosa di più del nostro satellite.

SPINOFF

SpiinoffDall’esplorazione dello spazio di quegli anni ci fu una ricaduta tecnologica molto importante. Sono svelati gli oggetti e gli strumenti che usiamo ogni giorno e che hanno migliorato la qualità della vita, la cui ideazione deriva proprio dalle conoscenze acquisite durante le fasi del programma Apollo.

RITORNO SULLA LUNA

veicolo spazialeA distanza di 40 anni la Nasa ha annunciato la volontà di tornare sulla Luna, così come l’Agenzia Spaziale Italiana che ha in progetto una propria missione. Si presentano i programma NASA, ESA e ASI per la creazione di nuovi veicoli spaziali in grado di riportare l’uomo sulla Luna.